..

Se non riuscite a vedere le slideshow, è perchè non avete o non è aggiornato flash player, scaricabile gratuitamente dal sito di Adobe.

lunedì 23 aprile 2012

Breve tutorial sul Light-painting

I miei tutoria sono brevi e non si parla quasi mai di programmi e loro uso, perchè intanto dopo poco tempo il programma cambia e il tutorial non serve più a nulla. Il fotografo deve imparare e farsi le ossa provando e riprovando; i tutorial devono servire solo per dare l'imput o qualche "dritta".
Occorrente: Una stanza competamente al buio, macchina fotografica montata su di un cavalletto, torcia elettrica che faccia un fascio di luce preciso. Per il set è preferibile usare uno sfondo grezzo di qualsiasi materiale, basta che non si confonda come colore al o ai soggetti principali, e che non rifletta. Attenzione che nelle vicinanze non vi siano oggetti che possano riflettere delle luci. Naturalmente come soggetto possiamo scegliere quello che vogliamo, ma anche in questo caso attenzione a vetro, metalli, porcellane ecc. che sono molto riflettenti.
Allestito il tutto impostiamo la macchina in RAW (naturalmente chi lo ha, se no va bene anche il jpg) con gli ISO al minimo e diaframma molto chiuso. Il tempo è meglio non superi i 30 sec per non avere decadimenti o disturbi, quindi regolatevi con il fascio di luce. Per fare questo scatto ne ho provati prima due, ma anche se buttate 5 o più scatti non arrendetevi subito!
Consiglio di guardare attentamente la scena prima di spegnere la luce, in modo da memorizzare quello che andrete a spennellare con la torcia. Potete iniziare dal basso verso l'alto o viceversa, come da destra verso sinistra, la cosa importante è non ripassare troppe volte sul medesimo punto per non avere bruciature a macchia di leopardo, soprattutto nelle zone bianche. Ancora una volta attenti a non andare a creare fastidiosissimi riflessi!
Se non usate scatti remoti e avete impostato manualmente i 30 sec. non andate a toccare la macchina se avete finito di spennellare prima della chiusura della tendina; spegnete la torcia e attendete. Non vi preoccupate se per errore la mano passa davanti l'obbiettivo, con i tempi così lunghi non si vedrà; cosa importante è non dirigere mai la luce verso l'obiettivo. Il punto migliore varia a seconda dell effetto ombra che volete avere; più state dietro alla macchina e meno ombra avrete. Io personalmente preferisco stare un poco di lato per avere maggior profondità, anche se le ombre alle volte danno fastidio alla composizione.
Non vi resta che allestire il set e provare!!

2 commenti:

Cristina ha detto...

La foto è stupenda e leggere il tuo testo su fondo nero, ora vedo tutto a righe : ))) scherzi a parte, interessante spiegazione e quella della torcia non la sapevo....un giorno proverò. il risultato è molto bello e pittorico! Complimenti Roberto, ciao e una bella giornata! Cri : )

Essenza Asssoluta ha detto...

Arte!
Arte di trattenere nello scatto e proporre dimostrando agli occhi altrui ciò che riesci a vedere tu, cio che facilmente sfugge.
Bellissima, una tecnica che proverò sicuramente.
Complimenti Roberto
Un saluto